OSPEDALE SAN GIOVANNI BIANCO

Riportiamo una breve sintesi dell’incontro avuto in merito ad alcune preoccupazioni circa il futuro dell’Ospedale di San Giovanni Bianco.
Verbale:
Incontro con Dott.ssa M. Beatrice Stasi, Direttore Generale Ospedale “Papa Giovanni XXIII” di Bergamo

Bergamo, 29 gennaio 2020

In data odierna, presso Direzione Generale dell’Ospedale “Papa Giovanni XXIII” a Bergamo, sono presenti: Dott.ssa M. Beatrice Stasi (Direttore Generale), Dott. Fabio Pezzoli (Direttore Sanitario), Dott.ssa Giulia Bombardieri (UOC Direzione Medica), don Gianluca Brescianini (Vicario Territoriale CET IV), don Sergio Bonacquisti (Moderatore FP1 della CET IV).

Assenti giustificati: don Cesare Micheletti (Moderatore FP2 della CET IV) e don Diego Ongaro (Cappellano Ospedale di San Giovanni Bianco).

Odg:   

  1. situazione attuale dell’Ospedale di San Giovanni Bianco
  2. criticità e prospettive dell’Ospedale di San Giovanni Bianco
  3. situazione medici di base in Valle Brembana e prospettive

L’incontro si è svolto con cordialità e con il desiderio di fare “rete”, mettendo da parte il rischio di creare allarmismi inconsistenti e polarizzazioni controproducenti. L’ospedale non è sul punto di chiudere ma sta vivendo un processo di adeguamento che potenzierà alcuni reparti e ne rivedrà altri. Ne fa fede la volontà di investimento recentemente messa in atto.

L’Ospedale di San Giovanni Bianco è considerato dal Direttore Generale come l’“Ottava Torre” dell’Ospedale “Papa Giovanni XXIII”. Pertanto, relativamente al primo e al secondo punto dell’odg il Direttore Generale evidenzia quanto segue:

  • Comunità Montana e i Sindaci della Valle sono a conoscenza di una Delibera di ciò che si sta attuando nell’Ospedale di San Giovanni Bianco (cfr. allegato concesso dal Direttore Generale presente sui Siti delle parrocchie di San Pellegrino e di Santa Croce);
  • si è ritenuto necessario spostare a Bergamo alcuni servizi importanti e delicati, così pure le cure intensive, per garantire totale sicurezza al paziente: è chiaro che alcuni cambiamenti gestionali, rispetto al passato, determinano alcuni malcontenti;
  • sono stati potenziati, con investimenti, sia la formazione del Personale dell’Ospedale di San Giovanni Bianco, sia ambulatori con nuove apparecchiature;
  • l’Ospedale di San Giovanni Bianco è considerato come un Ospedale “Base” per subacuti, tanto che si sta potenziando l’area di Medicina;
  • continua la valorizzazione di servizi di oncologia, dialisi, psichiatria; recente è il servizio delle Dimissioni Protette e nel prossimo futuro il servizio di Ambulatorio Infermieristico.
  • Per situazione Medici di base in Valle Brembana, il Direttore Generale rimanda all’ATS.

Sul finale è stato proposto un intervento del Direttore Generale e suoi collaboratori con il Consiglio Pastorale Territoriale della CET IV per presentare, per quanto di propria competenza, le fragilità di particolare rilievo della salute delle persone del territorio della CET IV e le relative strategie d’intervento per garantire buona vita in sicurezza. Il Direttore Generale ha dato disponibilità per un incontro nell’autunno 2020, previi accordi per una corretta presentazione, che non si presti a distorte interpretazioni.

Allegati